Un Saluto alla Salute

La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non semplicemente l’assenza di malattia o infermità. (Organizzazione Mondiale della Sanità, 1948).

✅ Il concetto di salute si è costantemente modificato nel tempo, per arrivare ad assumere, oggi, un’accezione molto più ampia che associa strettamente una condizione di assenza di patologie ad uno stato di benessere generale della persona. 

✍🏻 Il primo ambizioso impegno a porre una strategia globale della salute per tutti, assunto dall’organizzazione mondiale della sanità (OMS), risale al 1978 con la Dichiarazione di “Alma Ata”, ma per comprendere come sia nato e si sia sviluppato il concetto di promozione della salute occorre rifarsi alla “Carta di Ottawa”, risultato della prima “Conferenza Internazionale per la Promozione della Salute” nel 1986, un decreto di azioni finalizzate a tale obiettivo a livello mondiale. 

📃 Nella Carta di Ottawa la promozione della salute, percepita come risorsa della vita quotidiana che mira al benessere, viene definita come un processo che conferisce alle popolazioni i mezzi per assicurare un maggior controllo sul loro livello di salute e per migliorarlo, e questo pone in evidenza non solo gli aspetti individuali ma anche quelli collettivi e politici che ne condizionano le caratteristiche e i mutamenti. 

♻️ La promozione della salute deve portare a condizioni di vita e di lavoro sicure, stimolanti, soddisfacenti, alla protezione degli ambienti naturali e artificiali, alla conservazione delle risorse naturali. Deve consentire una valutazione sistematica degli effetti dell’ambiente sul benessere delle persone e garantire strategie e azioni mirate ad indurre cambiamenti nel singolo e nella collettività. La promozione della salute passa quindi necessariamente attraverso l’adozione di politiche pubbliche coordinate e tese a favorire e sviluppare beni e servizi più sani, ambienti igienici e non pericolosi, cambiamenti legislativi coerenti, mutamenti nell’organizzazione sociale e ambientale. 

ALIMENTAZIONE

🍏 MANGIARE è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico. Come e cosa si mangia dipende sia dalle risorse offerte dal territorio, sia dalle abitudini familiari che dal rapporto che si crea tra le persone e il cibo. La sana dieta alimentare, ovvero una corretta alimentazione, è l’insieme dei comportamenti e dei rapporti nei confronti del cibo che permettono il mantenimento della propria salute nel rispetto dell’ambiente e degli altri. È opportuno ricordare che il termine dieta indica una selezione ragionata di alimenti, e non necessariamente un regime alimentare finalizzato ad ottenere una perdita di peso (ovvero una dieta ipocalorica). 

❌ L’assunzione errata di alimenti, sia nella quantità che nella qualità, può essere uno dei fattori principali nella determinazione di stati patologici quali ipertensione, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, obesità, diabete e alcune forme di tumori. Il rischio obesità, in particolare, è determinato sia da un eccesso di calorie introdotte, rispetto a quelle consumate, ma soprattutto, nei giovani, da stili di vita sedentari, spesso omologati dalle famiglie. Considerando che a ciò si devono aggiungere fattori di rischio di tipo ambientale e genetici, la complessità degli elementi in gioco fa comprendere che è necessario intervenire, ove possibile, in maniera precoce. 

🧐 In particolare, per quanto riguarda l’alimentazione, la prevenzione a Tavola deve iniziare già dall’infanzia e diventare patrimonio della cultura personale di ogni essere umano. In numerosi Paesi del mondo, con l’intento di fornire indicazioni su come alimentarsi in modo sano, proteggendo la propria salute, istituzioni pubbliche e organismi scientifici hanno provveduto ad elaborare apposite linee guida. In Italia un gruppo di esperti, costituito presso l’istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) ha elaborato le linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana, mirate a definire e divulgare le informazioni di base per una alimentazione equilibrata e mirata al benessere. 

🤔 Il risultato di tutto ciò che accade oggi mi fa pensare che il nostro governo non le ha mai prese seriamente in considerazione, in cui più della metà della popolazione presenta più patologie coesistenti.

MOVIMENTO, SPORT E PALESTRA 

 🕺 Il movimento praticato regolarmente incide in modo significativo sulla qualità della vita ed il benessere.
Migliora lo stato di salute fisica e psicologica e riduce il rischio di sviluppare malattie importanti: ipertensione arteriosa, diabete, obesità, osteoporosi, aterosclerosi, ipercolesterolemia, infarto cardiaco, ictus cerebrale.

🧠 Ha un effetto molto importante anche sul cervello.

🏄‍♂️ Fare sport diminuisce il rischio di depressione migliorando il tono dell’umore. Riduce l’ansia e previene il decadimento delle funzioni mentali con il passare degli anni.

🏃🏼‍♀️I benefici dell’attività fisica si riscontrano già a livelli moderati. 

🏋🏻‍♂️ BISOGNA cercare strategie per rendere piacevole un’attività fisica per farla diventare un’abitudine costante nel tempo. 

❌ Però avere queste informazioni non è sufficiente per praticare in maniera efficace movimento ed attività fisica. Soprattutto se si parte o riparte da zero.
La sedentarietà rende infatti sempre più pigri. Se il movimento, che pompa sangue e ossigeno al cervello e attiva importanti processi ormonali, metabolici e neurologici è assente, cominciano a calare anche le funzioni cognitive. Il cervello produce sempre meno sostanze che migliorano l’umore come endorfine, dopamina e serotonina. Di conseguenza diventiamo pigri, deboli e di cattivo umore. Tutti stati d’animo che ci predispongono a un deterioramento fisico e mentale precoce.

🥱 Più rimaniamo seduti o sedentari più ci sentiamo stanchi e svogliati. Contrastare questo stato di inattività è possibile e necessario. 

💪🏻 Dobbiamo però farlo in maniera efficace

Prima di tutto cambiare le nostre abitudini in modo da rendere l’attività fisica una piacevole consuetudine. 

I cambiamenti, anche se piccoli, sono sempre faticosi. La natura umana predilige la continuità e perciò tutto quello che sconvolge la cosiddetta “normalità” all’inizio crea disagio. 

Ma l’unico modo per avere successo in qualsiasi ambito, che si tratti di uno sport, di imparare una nuova abilità, consiste nel realizzare ogni giorno qualche piccola modifica e praticarla con costanza… fin quando diventerà una consuetudine e rientrerà nella “normalità”.

✅ Per fare questo dobbiamo cercare di iniziare gradualmente qualcosa che ci stimola, e giorno dopo giorno aumentarne l’intensità fino a raggiungere quella sensazione di disagio… prenderne coscienza e superarla! 

Questo ci permetterà di far diventare l’esercizio fisico una piacevole abitudine gratificante ed emozionante ma anche il miglior integratore, farmaco o vaccino che tutti noi possiamo avere gratuitamente per difenderci meglio da tutti i virus biologici e mediatici che vagano liberamente senza alcun controllo.

Bibiliografia

Pace LA, Crowe SE. Complex Relationships Between Food, Diet, and the Microbiome. Gastroenterol Clin North Am. 2016;45(2):253–265. doi:10.1016/j.gtc.2016.02.004
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5912342/  

Ottawa Charter for Health Promotion
https://en.m.wikipedia.org/wiki/Ottawa_Charter_for_Health_Promotion 

Sovrappeso e obesità dal 1975 a oggi nel mondo: i dati allarmanti nei grafici interattivi dell’Università di Oxford
https://ilfattoalimentare.it/sovrappeso-obesita-grafici.html 

Il Diabete in Italia
https://www.istat.it/it/archivio/202600  

Ipertensione: i numeri in Italia
https://siia.it/per-il-pubblico/ipertensione/ipertensione-i-numeri-in-italia/  

Kvam S, Kleppe CL, Nordhus IH, Hovland A. Exercise as a treatment for depression: A meta-analysis. J Affect Disord. 2016;202:67–86. doi:10.1016/j.jad.2016.03.063
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27253219/ 

Effect of diet and diet combined with chronic aerobic exercise on chemerin plasma concentrations and adipose tissue in obese women [published online ahead of print, 2019 Dec 23]. Neuro Endocrinol Lett. 2019;49(6):262–270.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32200585/ 

Kwon YJ, Kim HS, Jung DH, Kim JK. Cluster analysis of nutritional factors associated with low muscle mass index in middle-aged and older adults [published online ahead of print, 2020 Mar 6]. Clin Nutr. 2020;S0261-5614(20)30088-1. doi:10.1016/j.clnu.2020.02.024
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32193264/